GUARDIA MEDICA PIAZZA DEI NAVIGATORI ROMA

GUARDIA MEDICA PIAZZA DEI NAVIGATORI ROMA

Piazza dei Navigatori si trova lungo Via Cristoforo Colombo, al confine tra il Quartiere Ostiense ed il Quartiere Ardeatino.
Nel 1940 il Governatorato di Roma iniziò a tracciare la Via Imperiale, l'odierna Via Cristoforo Colombo che dal centro raggiungeva l'Esposizione Universale per poi proseguire fino al mare. Nel tragitto di essa compreso tra le Mura Aureliane e l'Esposizione, vennero pensate quattro piazze: Piazza IX Maggio, Piazza delle Legioni Romane, Piazza degli Imperatori e Piazza dei Consoli.
L'odierna Piazza dei Navigatori era esattamente Piazza delle Legioni Romane, la seconda lasciando il centro di Roma, grosso modo all'altezza di Via delle Sette Chiese e Tor Marancia.
La piazza fu prevista di forma trapezioidale, sul luogo di una curva della Via Imperiale, con due grandi edifici per abitazioni intensive - detti alberghi di massa - simmetrici, progettati dall'architetto Cesare Pascoletti. Durante la guerra iniziò la costruzione di uno dei due edifici, che fu l'unico dei due ad essere completato. La guerra, infatti, portò a un notevole ridimensionamento di quello che fu il progetto mussoliniano di espansione verso il mare, che negli anni fu sostituito da un'edilizia differente e ben meno monumentale.
Il palazzo costruito ha una pianta a forma di "M", come spesso accade nei palazzi progettati durante il Fascismo, per celebrare Benito Mussolini attraverso l'iniziale del suo cognome.
Nel 1948 la piazza prese il nome di Piazza dei Navigatori, compresa tra Via Cristoforo Colombo e Via delle Sette Chiese.
La Piazza è rimasta così da un lato con gli edifici monumentali progettati durante il fascismo, dall'altra, invece, spoglia, con al posto del grande edificio che avrebbe dovuto fare pendant a quello esistente, una casupola che da decenni ospita il ristorante L'Ardito.
La zona è principalmente un'area di grande scorrimento nel mezzo di un quartiere principalmente residenziale, ma fa anche da punto di raccordo tra l'arteria della Colombo ed il Quartiere Ardeatino.
Negli anni successivi al 2000, quasi a voler risolvere il mancato pendant con il grande edificio nel lato nord, è iniziata la costruzione del Navigatori Civic Center, un grande edificio polifunzionale da costruire nello spazio vuoto tra Piazza dei Navigatori e Viale di Tor Marancia.
Nel 2011 lo scultore Gheno ha realizzato al centro della piazza una scultura raffigurante una vela, che richiama i navigatori cui la piazza è dedicata. La vela occupa lo spazio in cui, nel progetto originale della piazza, era prevista appunto la realizzazione di un monumento.
Guardia Medica Privata Romamed
Romamed Guardia Media Privata anche in zona Piazza dei Navigatori. L'azienda offre un rapido ed efficiente servizio di assistenza medica con visite e diagnostica strumentale a domicilio, facendo affidamento su un personale medico specializzato e preparato, che sarà a tua disposizione ventiquattro ore su ventiquattro per interventi d'urgenza.
Da anni siamo uno dei principali punti di riferimento nel settore dell'assistenza medica con visite a domicilio su tutto il territorio di Roma Capitale, avendo a disposizione un personale medico qualificato che agisce in tempi rapidi dalla tua richiesta.
Guardia Medica Privata effettua solo visite presso domicilio del paziente: per qualsiasi informazione non esitare a contattare i nostri recapiti.
RomaMed Guardia Medica Privata risponde al numero di telefono 06 420 14 934 .
Romamed - Assistenza sanitaria 24 ore su 24.

Lo sapevi che?
Quante volte ci sarà capitato di passare sulla Cristoforo Colombo, all’altezza di piazza dei Navigatori, e notare un edificio a vetri da anni in costruzione e che non sembra mai essere stato inaugurato?
Ebbene dietro a quell’edificio, e ad un altro situato non lontano da lì, in via Costantino, e chiamato il “bidet” dagli abitanti della zona, c’è una storia che parte dal 2004.
In particolare il cosiddetto “bidet” di via Costantino sarebbe dovuto essere un albergo da 180 stanze. I costruttori, a fronte dei 150mila metri cubi concessi si erano impegnati a realizzare opere importanti per il quartiere: due tunnel sotto la Cristoforo Colombo, un circolo sportivo/bocciofilo, un asilo nido e mille posti auto a disposizione degli abitanti della zona. Ma a seguito di varie vicende politico-amministrative, le costruzioni sosno state completate senza aver avviato neanche un’opera pubblica; l’albergo in particolare è stato saccheggiato e devastato con scritte vandaliche. Chiunque entra indisturbato nell’edificio, lascia la sua firma con qualche tag e ruba quello che desidera.